Giovane ferito a coltellate a Napoli al corso Garibaldi, individuati e denunciati dai carabinieri i quattro responsabili. Due di loro fanno anche parte della baby gang che aggredì i poliziotti al borgo Sant’Antonio Abate

I Carabinieri della Stazione di Napoli Borgoloreto – a seguito di una serrata attività d’indagine coordinata dalla Procura dei minori di Napoli – hanno deferito in stato di libertà per il reato di lesioni aggravate in concorso quattro ragazzi di età compresa tra i 15 e i 16 anni che, nel tardo pomeriggio dello scorso 16 gennaio, al corso Garibaldi, per futili motivi, hanno ferito con un coltello un giovane sedicenne napoletano mentre stava tornando a casa dopo gli allenamenti di calcio.

I carabinieri sono partiti dall’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza presenti in zona riconoscendo uno degli aggressori, del 2004, originario del Borgo Sant’Antonio Abate. Perquisita la sua abitazione, hanno trovato i vestiti da lui indossati il giorno del reato.

L’attività info-investigativa condotta dai Carabinieri, operanti sul territorio, ha quindi consentito l’individuazione degli altri tre giovani aggressori; portati  davanti al Pubblico Ministero titolare del fascicolo tre minorenni hanno ammesso le responsabilità fornendo tutti i dettagli dell’aggressione e dell’acquisto dell’arma, avvenuto poco prima dei fatti. Le perquisizioni  hanno consentito di rinvenire gli indumenti che i minori avevano addosso quel giorno, due telefoni cellulari usati per comunicare tra loro e un coltello a serramanico simile a quello utilizzato  per ferire il giovane.

Due tra gli indagati hanno preso parte anche all’aggressione, avvenuta il 17 gennaio scorso, nei confronti di alcuni poliziotti intervenuti nel Borgo Sant’Antonio in occasione dei tradizionali “fuocarazzi”.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.