Piano di rimodulazione dei presidi della Polizia: 42 nuovi distretti e 9 commissariati in più, 5 centri polifunzionali a Milano, Napoli, ReggioC., Catania e Palermo

Quarantadue ‘nuovi’ distretti di polizia a Milano, Napoli, Roma e Torino, 9 nuovi commissariati a Bari, Roma, Reggio Calabria e 5 centri polifunzionali a Milano, Napoli, Reggio Calabria, Catania e Palermo; 100 milioni di euro per il riammodernamento di questure e commissariati. Questi i contenuti del ‘Piano di rimodulazione’ dei presidi della Polizia di Stato nelle 14 citta’ metropolitane, presentato questa mattina alle organizzazioni sindacali dal sottosegretario all’interno, Nicola Molteni, dal capo della Polizia, Franco Gabrielli, e dai vice capi della Polizia, Antonio De Iesu e Alessandra Guidi. “I nuovi distretti – spiega il Viminale – consentiranno una sistematica interlocuzione con i presidenti delle municipalita’. Gli obiettivi sono mantenere l’attuale assetto presidiario rafforzando i commissariati che erano a rischio chiusura ed assicurare piena efficienza ed operativita’ nell’azione di prevenzione e controllo delle aree urbane, istituendo nuove strutture nelle aree piu’ sensibili e critiche fino ad oggi prive di una presenza stabile della Polizia di Stato. Il riassetto tiene conto dei benefici derivanti dal piano assunzionale approvato dal governo. “Nessun taglio e presi’di rafforzati ovunque: l’avevamo promesso e lo stiamo facendo – sottolinea il ministro dell’Interno Matteo Salvini – Siamo orgogliosi di essere passati dalle parole ai fatti, con assunzioni e fondi. Le donne e gli uomini in divisa rischiano la vita tutti i giorni per la sicurezza degli italiani e meritano il nostro impegno serio e costante”.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *