Femminicidio a Melito di Napoli: donna di 33 anni uccisa in casa a colpi di pistola dal marito che si è costituito poco dopo alla polizia. Motivi passionali all’origine dell’omicidio

Una donna di 33 anni è stata uccisa in casa nel Napoletano, a Melito di Napoli. I carabinieri sono intervenuti d’urgenza in via Papa Giovanni XXIII dopo una segnalazione al 112 di colpi d’arma da fuoco. Una volta sul posto, hanno accertato che al quinto piano della palazzina, al civico 49, era deceduta una 33enne incensurata. L’autore dell’omicidio si e’ costituito poco dopo alla polizia: si tratta del marito della 33enne. Salvatore Tamburrino, 42 anni, ex sorvegliato speciale e ritenuto dagli inquirenti un affiliato al clan Di Lauro, ha ucciso la moglie con una pistola che e’ stata anche sequestrata dalla polizia. L’uomo, dopo il delitto, ha fatto in modo che il suo avvocato chiamasse la polizia e si e’ consegnato alla Squadra mobile. La coppia lascia due figli, di 14 e 7 anni. Gli inquirenti sono convinti che alla base del delitto ci sia un movente passionale, la volonta’ cioe’ della donna di separarsi dal marito.

Condividi:
  • 4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *