L’Unione Nazionale Consumatori: “Ressa e caos sul porto di Capri, saltati tutti i protocolli”

“Porto di Capri, ressa e fila agli imbarchi. Saltano tutti protocolli, nessun distanziamento sociale, in molti senza mascherine”. A lanciare l’allarme è Unc, Unione Nazionale Consumatori, la cui delegazione dell’isola di Capri attacca: “Inaccettabile. Non è un caso isolato. Mentre nel resto dell’isola si rispettano le regole e si fanno sacrifici, il porto di Capri è senza controllo”. “La situazione sul porto di Capri a Marina Grande – incalza l’Unc – è inaccettabile. Alcuni residenti, in partenza per Napoli, ci continuano a segnalare ressa e caos agli imbarchi, senza alcun minimo controllo”. Le foto diffuse dall’Unc sono di stamattina ed è chiaro ed evidente, continua l’Unione Nazionale Consumatori, “che non sono rispettati minimamente le ordinanze ed i protocolli regionali, soprattutto nei punti di massima affluenza come il porto commerciale”.

“Su tale situazione necessariamente autorità ed istituzioni locali e regionali devono intervenire, sia evitando che i flussi (sbarco ed imbarco) si incrocino, magari non accavallando gli accosti, e sia facendo rispettare – sostiene l’Unione Nazionale Consumatori – le prescrizioni anti contagio, con l’utilizzo delle mascherine obbligatorie in caso di affollamento. In maniera netta e decisa. Nell’interesse di tutti e dell’immagine dell’isola”. “Mentre nel resto dell’ isola albergatori, commercianti e cittadini stanno facendo un grande sforzo, facendo rispettare le regole e rendendo Capri un’isola sicura, al porto di Marina Grande si rischia di vanificare tutto, senza controlli. Auspichiamo in un pronto intervento delle autorità competenti”, concludono i consumatori.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.