L’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) si dissocia dall’articolo sul rischio vulcani a Napoli pubblicato sulla rivista Natural Hazard and Earth System Sciences

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) è estraneo alle affermazioni contenute nell’articolo pubblicato sulla rivista Natural Hazard and Earth System Sciences della EGU dal titolo ‘The Volcanoes of Naples: how effectively mitigating the highest volcanic risk in the World?’. Da esso emerge che l’area vulcanica napoletana, con Vesuvio, Campi Flegrei ed Ischia, racchiude il più alto rischio vulcanico al mondo: circa 3 milioni di persone che vivono a meno di 20 km da una possibile bocca eruttiva, e non sarebbe sostenibile “né economicamente né socialmente” ipotizzare una evacuazione massiccia ed improvvisa qualora si presenti un rischio imminente di eruzione. Pertanto, dissociandosi da quanto in esso riportato che non è stato condiviso internamente all’Istituto, il contenuto e le valutazioni esposte nell’articolo sono il frutto esclusivo dell’opera intellettuale degli autori dell’articolo che operano nell’ambito della libertà di pensiero ed espressione sancita dalla Carta Europea dei diritti dei ricercatori.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.