Coronavirus, continua il lockdown: tutti a casa fino al 3 maggio, poi ripartenza graduale. Firmato il nuovo dpcm: riaprono per ora librerie, cartolerie e negozi per bambini

Lockdown fino al 3 maggio. “Una decisione difficile ma necessaria di cui mi assumo tutta la responsabilità”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa motivando la proroga delle misure restrittive anti-coronavirus. “Non possiamo vanificare – ha spiegato – gli sforzi compiuti. Dovremmo ripartire da capo”. “Dobbiamo mantenere l’alta la guardia. L’auspicio è che dopo il 3 maggio si possa ripartire. Con gradualità ma ripartire”, ha affermato Conte prorogando con il nuovo Dpcm firmato oggi le misure contro il coronavirus. “La proroga vale anche per le attivita’ produttive”, ha ribadito, annunciando però che se le condizioni dovessero permetterlo si valuterà anche una riapertura prima del 3 maggio.  Confermate tutte le chiusure, ma riaprono dal 14 aprile librerie, cartolibrerie e negozi per neonati e bambini.  “Il lavoro della fase 2 è già partito”, ha assicurato il presidente del Consiglio, annunciando una ripartenza graduale.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.