Emergenza coronavirus: le raccomandazioni del Ministero della Salute per le persone immuno depresse

Il ministero della Salute su iniziativa del Comitato Tecnico Scientifico della Protezione Civile ha emanato una circolare contenenti raccomandazioni rivolte alle persone immuno depresse nell’ambito dell’attuale situazione di emergenza determinata dalla diffusione del nuovo coronavirus. Le evidenze scientifiche indicano che i pazienti immunodepressi, come ad esempio le persone con immunodeficienze congenite o secondarie, le persone trapiantate, le persone affette da malattie autoimmuni in trattamento con farmaci ad azione immuno-soppressiva, cosi’ come le persone con malattie oncologiche o oncoematologiche, sono particolarmente a rischio, sia per quanto riguarda la morbilita’ che la mortalita’ in caso d’infezione da virus respiratori, tra cui i coronavirus. 

Di seguito una sintesi delle raccomandazioni di carattere generale. Per tutti i pazienti: evitare la presenza-frequenza in luoghi affollati; indossare la mascherina (di comune uso, quali quelle chirurgiche) fuori dal domicilio, in particolare quando si rendano necessarie visite in ospedale per visite, esami e/o trattamenti; eseguire un’accurata e frequente igiene delle mani (si vedano anche le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’ (OMS) sul lavaggio delle mani); evitare di toccarsi con le mani il viso, gli occhi, il naso e la bocca; evitare le visite al proprio domicilio da parte di familiari o amici con sintomi respiratori e/o provenienti da aree a rischio; contattare il medico curante non appena compaiono sintomi riconducibili a infezioni delle vie respiratorie (febbre, tosse, rinite); attivare, ogni qualvolta possibile, visite in telemedicina per evitare il piu’ possibile, salvo necessita’ cliniche e/o terapeutiche, gli accessi ai pronto soccorso degli ospedali; non sospendere la terapia immunosoppressiva in atto, salvo diversa indicazione formulata da parte del medico curante; monitorare i livelli sierici d’immunoglobuline e praticare terapia sostitutiva in caso di valori di lgG ridotti rispetto ai range di normalita’; attivare quanto piu’ possibile procedure di smart working e di evitare assolutamente attivita’ lavorative in ambienti affollati; in caso di situazioni per le quali e’, imprescindibilmente, necessario partecipare di persona a incontri di lavoro mantenere una distanza di almeno un metro (meglio due) dai colleghi, invitandoli a indossare una mascherina e a eseguire le corrette norme igieniche prima del contatto, compresa la sanificazione degli ambienti.

Per i pazienti immuno depressi con malattie neuro muscolari La circolare sottolinea che ci sono evidenze recenti che documentano un potenziale neuro-invasivo del nuovo coronavirus che potrebbe peggiorare i sintomi preesistenti nelle persone immunodepresse con malattie neuro muscolari e tra le raccomandazioni indica: alle strutture sanitarie di identificare e istituire percorsi e spazi (es. sale di attesa) dedicati e preordinare gli accessi attraverso contatto telefonico e prenotazioni; a tutto il personale sanitario adibito alla cura di questi pazienti di indossare gli appositi dispositivi di protezione individuale (DPI) (es. mascherine chirurgiche o quelle specificamente indicate per procedure speciali), di posticipare, laddove possibile e in accordo con gli specialisti del settore che hanno in carico il paziente, i controlli di follow-up di considerare precocemente, per i pazienti sintomatici, l’utilizzo di farmaci antivirali in studio (es. lopinavir/ritonavir; remdesivir).

Pur ribadendo l’incertezza attualmente esistente del beneficio clinico derivante da questo approccio, nei pazienti con deficit dell’immunita’ umorale che sviluppino un quadro di COVID-19 si puo’ prendere in considerazione (ottimalmente nell’ambito di trial clinici autorizzati) la possibilita’ di procedere all’infusione di plasma di soggetti convalescenti che abbiano superato l’infezione da SARS-CoV-2. Ovviamente, il soggetto donatore dovra’ compiutamente rispondere ai requisiti previsti dalla normativa vigente per la donazione di emocomponenti.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.