Usura: interessi del 110% a Torre del Greco, la polizia arresta due persone accusate anche di porto abusivo di arma da guerra

Prestavano denaro a usura, pronti anche a sparare per intimorire le loro vittime quando non pagavano le rate concordate. Una indagine della polizia di Torre del Greco, nel Napoletano, ha portato il gip di Torre Annunziata a emettere una misura cautelare personale nei confronti di Salvatore Pertetto e Mariarca Camelia, che devono rispondere a vario titolo di usura ed estorsione; a Perfetto e’ amche contestato il porto abusivo di arma da guerra. L’indagine e’ nata con l’arresto dell’uomo a settembre scorso per lesioni gravi ad Antonio Pandolfo, ferito con un colpo di pistola calibro 9×21 alla gamba destra. Intercettazioni e perquisizioni, sequestri e analisi documentale hanno messo in luce come i due ‘strozzavano’ diversi imprenditori locali. L’uomo prestava il denaro alle vittime pretendendo un interesse mensile del 10% (120% su base annua), arrivando a minacciarle, intimidirle e percuoterle in caso di ritardi nei pagamenti. La donna lo ha aiutato nella gestione dell’ attivita’ illecita, e nel periodo della detenzione di Perfetto, ha riscosso personalmente le rate; proprio nella sua disponibilita’ sono stati sequestrati i titoli versati ‘a garanzia’ dalle vittime.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.