Natale e Capodanno in crociera, al primo posto c`è Dubai

Quello che fino a qualche anno fa era un sogno per pochi o tuttalpiù assomigliava al titolo di un cinepanettone, adesso è realtà. Sono sempre di più infatti gli italiani che passano il “Natale in crociera”. Secondo l`Osservatorio Ticketcrociere, le prenotazioni per le due settimane del periodo Natale-Capodanno (ovvero le partenze dal 18 al 31 dicembre) sono aumentate del 4% rispetto allo scorso anno, in linea con lo stato di salute del settore. Ecco la fotografia delle destinazioni scelte dagli italiani che passeranno le vacanze a bordo di una nave: Mediterraneo per il 38%, seguito dai Caraibi al 22% e dal Medio Oriente al 21%; quarto posto per il Sud America con il 9%, chiude l`Oriente con un 5%, con il resto del mondo che si divide l`ultimo 5% del totale. Oggi passare le feste al caldo è un desiderio che si realizza. La sorpresa, rispetto al 2018, è il Sud America, che – grazie ai nuovi itinerari in programma – segna il +247%. Molto bene anche il Medio Oriente, trainato dagli Emirati Arabi, con il +40% rispetto alle vacanze di Natale 2018.

Confermata la flessione dei Caraibi d`inverno, al -13%, mentre resta stabile il Mediterraneo (crescita del +1%). I cinque porti di imbarco principali nel mondo, per numero di partenze, sono: Dubai, Genova, Miami, Civitavecchia e Buenos Aires. I passeggeri nelle due settimane di Natale e Capodanno per il 52% sono famiglie; c`è un 46% di coppie e sono il 2% i single che scelgono di partire a bordo di una nave da crociera. Sulla scelta della sistemazione, il 41% opta per una più economica cabina interna, ma chi sceglie l’esterna predilige il balcone (36%) all`oblò (17%); per il 6% ci sono le suite. “Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, aumentano del 6% i crocieristi italiani che scelgono le cabine interne – dice Nicola Lorusso, amministratore di Ticketcrociere – Dall`altra parte continua a crescere la richiesta di lusso, visto che c`è un +11% di viaggiatori che prenotano le suite”. Si parte di più, si spende di meno. Se il budget medio a cabina nel 2018 era 4.532 euro, quest`anno è 4.295 euro (-5%), che si traduce in oltre 200 euro in meno a cabina. 

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.