Stretta della polizia postale contro il fenomeno dei “money mules”, scoperte centinaia di transazioni fraudolente

Centosettanta “money mules” identificati su tutto il territorio nazionale, responsabili di 374 transazioni fraudolente per un totale di oltre 10 milioni di euro di cui 3,5 milioni gia’ recuperati. E’ il bilancio dell´operazione ad alto impatto “Emma 5” attuata anche quest´anno dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, che ha messo in campo 210 uomini del Servizio centrale e dei 20 Compartimenti regionali, e dalle Forze di Polizia cyber di altri 24 Paesi europei. Nel settore del contrasto al financial cybercrime, il fenomeno dei “money mules” costituisce senz´altro uno degli aspetti piu’ allarmanti, diffuso a livello endemico in tutto il mondo. Un money mule e’ un soggetto che, consapevolmente (perche’ membro di un´organizzazione criminale, o perche’ soggetto in stato di bisogno) o inconsapevolmente (perche’ attratto da false offerte di lavoro pubblicate sul web), offre la propria identita’ per l´apertura di conti correnti, carte di credito ed altri strumenti di pagamento, sui quali vengono poi accreditate somme di denaro provento di attacchi informatici e finanziari ai danni di ignari cittadini.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.