Diagnosticata la “polmonite da piumino”, un’infiammazione polmonare causata dalle polveri delle piume di coperte e cuscini

Raggomitolarsi sotto uno spesso piumone nelle prossime notti di inverno potrebbe non essere cosi’ innocuo come molti pensano. Almeno non dopo che un gruppo di medici dell’Aberdeen Royal Infirmary, in Scozia, ha segnalato per la prima volta un caso di “polmonite da piumino”, un’infiammazione polmonare causata dall’inalazione di polvere dalle piume che imbottiscono coperte e cuscini. Gli esperti esortano i colleghi a rimanere in allerta nel caso in cui i pazienti si presentassero con un’inspiegabile difficolta’ respiratoria. I medici ritengono che forma di polmonite da ipersensibilita’ dipenda da una risposta immunitaria. I sintomi includono sudorazione notturna, tosse secca e respiro corto: un’esposizione ripetuta puo’ anche creare cicatrici irreversibili ai polmoni. “Agli operatori sanitari viene generalmente insegnato a chiedere ai pazienti con sintomi respiratori se hanno animali domestici a casa, come gli uccelli. Ma secondo la nostra esperienza, di solito non si estende all’esposizione alle piume di piumoni e cuscini”, scrivono i ricercatori. “Questa e’ un’omissione importante poiche’ l’uso della biancheria da letto non sintetica e’ comune”, aggiungono. Owen Dempsey, autore dello studio riportato dal BMJ Case Reports, ha specificato che non bisogna affatto buttare via piumone e cuscini, ma prendere nota di eventuali problemi respiratori quando si passa dalla biancheria da letto sintetica a una in piuma. Perche’, se anche i medici hanno documentato solo un caso, molti altri potrebbero passare inosservati.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *