Detenuto nel carcere di Secondigliano a Napoli tenta la fuga durante un ricovero in ospedale, bloccato dagli agenti penitenziari

Ha cercato di scappare dall’ospedale dove si trovata per presunti lancinanti dolori all’addome ma è stato bloccato dalla Polizia Penitenziaria: il fuggitivo “mancato” è un detenuto di 22 anni, ristretto nel carcere napoletano di Secondigliano, preso dagli agenti mentre si dirigeva verso una fermata dei bus. L’episodio, accaduto ieri, nell’ospedale Cardarelli di Napoli, è stato reso noto dal Sappe. “La professionalità degli uomini della scorta impediva il realizzarsi della fuga messa in atto, – fa notare il segretario regionale Emilio Fattorello – sembra che lo stesso detenuto nelle ultime 48 ore era uscito da Secondigliano ben tre volte con la procedura del ricovero a vista con procedura di urgente per lancinanti dolori all’addome”. Per Donato Capece, segretario generale del SAPPE, è stato solamente grazie agli agenti che è stato possibile sventare la clamorosa fuga al detenuto: “Non hanno esitato a mettere a rischio la propria vita per fermare il fuggitivo”, aggiunge.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.