Napoli, ascoltato come testimone nelle indagini su un accoltellamento in un locale di Coroglio ha nascosto la sua identità ai carabinieri, 22enne arrestato. Su di lui pendeva un divieto di dimora

Ha tentato di nascondere la sua identita’ pur essendo ascoltato come testimone, e ora sara’ processato per direttissima, dopo essere stato arrestato. Accade a Napoli, durante le indagini per chiarire la dinamica dell’accoltellamento avvenuto domenica mattina in un locale nel quartiere di Coroglio. I carabinieri hanno controllato e preso informazioni da tutti i clienti del locale, che sono stati identificati e ascoltati. Manuel Marino, 22enne gia’ noto alle forze dell’ordine, perche’ non emergesse che su di lui pendeva un divieto di dimora in Campania emesso a gennaio dal gip di Napoli per reati in materia di stupefacenti, ha indicato ai militari nome e data di nascita falsi. I carabinieri non gli hanno pero’ creduto, anche perche’ non aveva con se’ documenti, e stavano per compiere accertamenti piu’ approfonditi rilevando le sue impronte digitali; a quel punto Marino ha capito che sue le dichiarazioni false non avrebbero retto e ha ammesso di aver mentito indicando poi la sua vera identita’.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *