Eurostat: in Italia le vittime della strada sono in leggero aumento nel 2017

Nel 2017 il numero di vittime della strada e’ tornato a aumentare in Italia, che in termini assoluti ha registrato il piu’ alto numero di morti tra gli Stati membri dell’Unione Europea dopo la Francia, secondo alcuni dati pubblicati oggi da Eurostat. Nel 2017, in Italia ci sono state 3.378 morti in incidenti stradali contro i 3.283 del 2016. Negli ultimi 10 anni c’e’ comunque stato un calo significativo. Nel 2008 l’Italia aveva registrato 4.725 morti sulle strade. In termini di tipologia di veicolo, Eurostat ha constatato che nel 2017 in Italia 1.472 sono state vittime di incidenti fatali che hanno coinvolto automobili, 159 veicoli da trasporto, 18 autobus, 254 biciclette, 92 ciclomotori, 735 motociclette, 600 pedoni. Complessivamente ci sono state 25.431 vittime della strada nell’Ue nel 2017. La Francia e’ il paese che ha registrato il piu’ alto numero di morti in termini assoluti con 3.444. Rispetto alla popolazione, l’Italia si trova a meta’ classifica con 55,8 vittime della strada ogni milione di abitanti, di poco sopra la media dell’Ue che e’ di 49,7 morti ogni milione di abitanti.

Gli altri grandi paesi sono piu’ sicuri: il Regno Unito ha registrato 28,2 morti sulla strada ogni milione di abitanti, la Germania 38,5 morti, la Spagna 39,3 e la Francia 51,6. In termini relativi, il paese che fa meglio e’ la Svezia con 25,3 morti ogni milione di abitanti, mentre in fondo alla classifica ci sono Romania (99,3) e Bulgaria (99). Eurostat sottolinea che il numero di morti in incidenti stradali e’ sceso considerevolmente negli ultimi 20 anni. Tra il 2007 e il 2017 il numero di vittime in incidenti fatali e’ crollato del 41% nell’Ue. Tuttavia dal 2013 non si registrano progressi significativi con un numero di morti costante nell’Ue attorno ai 25.000. Di conseguenza – secondo Eurostat – saranno necessari ulteriori sforzi per realizzare l’obiettivo dell’Ue di dimezzare il numero di morti tra il 2010 e il 2020. 

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *