“Alto Impatto” della polizia nelle stazioni ferroviarie della Campania, 622 persone identificate e due indagati

622  identificati, 2 indagati, 2 persone segnalate per detenzione di sostanza stupefacente e 418 bagagli controllati: questo il bilancio dell’operazione ad “Alto Impatto”, che ha visto impegnati, nella mattinata di ieri, 76 operatori della Polizia Ferroviaria e 6 messi a disposizione dalla Questura di Napoli che hanno operato nella  stazione di Napoli Centrale, nella quale  si sono concentrate le attività di controllo straordinarie con il supporto anche di unità cinofile e di Unità Operative di Pronto Intervento, specificamente addestrate per la prevenzione di atti di terrorismo o azioni di natura violenta.  

Le pattuglie si sono avvalse anche di smartphone di ultima generazione, per il controllo in tempo reale dei documenti, e di metal detector per l’ispezione di bagagli sospetti. Le ispezioni sono state estese anche al deposito  bagagli, dove i cani antidroga e antiesplosivo hanno controllati tutti i colli custoditi. 2 stranieri sono stati indagati per rifiuto di indicazioni sulla propria identità e per minaccia e resistenza; 2 gambiani sono stati trovati in possesso di marjuana e segnalati amministrativamente per detenzione, mentre la sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro. Un ragazzo di sedici anni è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Napoli, per aver svuotato un estintore nella stazione di Teano. 

Gli agenti del Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Campania di Napoli, dopo aver ricevuto una segnalazione da parte di un cittadino relativa ad un giovane che veniva immortalato  in un video sui social mentre scaricava il contenuto di un estintore, imbrattando la stazione, hanno acquisito le immagini ed hanno rintracciato rapidamente l’autore della bravata. Un gesto che gli è costato caro, visto che dovrà rispondere di imbrattamento e danneggiamento aggravato.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *