S. Severo (Foggia), arrestato imprenditore per truffa in erogazioni pubbliche, sequestrati beni per 100mila euro

Un imprenditore di San Severo (Fg) e’ stato arrestato dalla Guardia di Finanza in esecuzione di un’ordinanza di custodia ai domiciliari con le accuse di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e falsita’ ideologica commessa dal privato in atto pubblico. L’imprenditore, per il quale e’ stato disposto il sequestro preventivo di 100mila euro, e’ accusato di aver indebitamente percepito contributi comunitari della Pac. Le indagini sono state avviate dalla querela presentata alla Procura di Tivoli, nel novembre del 2017, dal legale rappresentante dell’Universita’ Agraria di Sacrofano (Roma).

Il 5 febbraio 2010 l’universita’ aveva stipulato con la societa’ dell’imprenditore un “contratto di concessione di uso”, per la durata di nove anni, di 45 ettari di terreni di proprieta’ dell’Ente universitario, nel Comune di Roma, in localita’ “Quarticciolo”. Dal 2012, la societa’ non ha piu’ corrisposto il canone di concessione, pur percependo dall’AGEA i contributi comunitari della Pac, risultati accreditati su conti correnti di istituti di credito di San Severo. Le indagini avrebbero accertato che dal 2010 al 2018 quella societa’ aveva indebitamente percepito contributi comunitari Pac per un importo complessivo di 103.527 euro dopo la presentazione, presso un centro di assistenza agricolo di Foggia, di “domande uniche di pagamento” risultate false nella parte in cui si attestava che: l’impresa richiedente il contributo era da qualificarsi come “agricola”, che conduceva effettivamente i terreni avuti in concessione, che aveva predisposto un piano colturale e che garantiva le buone condizioni agronomiche e ambientali dei terreni medesimi.

Le indagini hanno invece escluso, da parte dell’impresa, il possesso di questi requisiti. E’ stato infatti appurato come la societa’ concessionaria risultasse iscritta nel registro delle imprese, nella sezione speciale riservata alle imprese agricole, solo dal 2015 (pur percependo contributi Pac sin dal 2010), non risultando comunque aver mai svolto attivita’ agricola. La societa’, infatti, non risulta aver mai dichiarato redditi derivanti da attivita’ agricola, non risulta essere stata proprietaria di mezzi agricoli, ne’ risulta aver avuto alle dipendenze lavoratori.

 

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *