Imprenditore arrestato per caporalato in Salento, i carabinieri hanno individuato 5 tunisini che lavoravano in condizioni di degrado

 Un imprenditore di 37 anni, che faceva lavorare diversi immigrati in condizioni di estremo disagio, e’ stato arrestato dai carabinieri nelle campagne di Nardo’ (Le). I militari della compagnia di Gallipoli, hanno individuato cinque cittadini tunisini occupati nella raccolta delle angurie, ai quali veniva corrisposta la paga irrisoria di 1,40 euro per quintale di prodotto prelevato dai campi. Gli stranieri vivevano, inoltre, in condizioni ambientali di forte degrado, all’interno di una struttura fatiscente situata nelle campagne salentine. L’imprenditore risponde di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *