E’ morto Billy Drago, il gangster di “Al Capone” nel film “Gli intoccabili” di Brian De Palma. Aveva 73 anni

Billy drago

L’attore statunitense Billy Drago, che ha spesso vestito al cinema i panni del gangster ed è stato immortalato in questo ruolo nel film capolavoro di Brian De Palma «Gli intoccabili» (1987), dove è il braccio destro di Al Capone, Frank Nitti, è morto lunedì scorso a Los Angeles in seguito ad un ictus all’età di 73 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato dall’edizione online di «Variety». Altro ruolo memorabile è quello del pistolero nel western di Clint Eastwood «Il cavaliere pallido» (1985). Era nato a Hugoton, in Kansas, il 18 Settembre del 1946 con il nome di William Eugene Burrows (decise di utilizzare lo pseudonimo di Billy Drago per evitare confusione con William S. Burroughs, autore di «Pasto nudo»). L’attore americano è noto soprattutto per i suoi ruoli di ‘cattivò. Iniziò la sua carriera sul grande schermo in «No Other Love» (1979), per poi recitare nel western «Windwalker» (1980) e nel thriller «Cutter’s Way» (1981). Dopo altre pellicole, come l’horror «Vamp» (1986), interpretò il suo personaggio più famoso: Frank Nitti, l’odioso scagnozzo del boss Al Capone nella pellicola cult di De Palma.
Negli anni successivi Drago ha lavorato in numerosi film, principalmente nei generi dell’action, dell’orrore, e della fantascienza. Ha recitato il ruolo dello spietato e feroce Papa Jupiter in «Le colline hanno gli occhi» (2006) di Alexander Aja, remake del classico horror girato da Wes Craven nel 1977. È apparso anche sul piccolo schermo fin dai primi anni ’80, comparendo in telefilm come «Automan» e «Supernatural». Nel 2006 è stato protagonista nel disturbante «Imprint», mediometraggio televisivo diretto da Takashi Miike per la serie «Masters of Horror».

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.