Un membro dei servizi segreti italiani trovato morto a Parigi, si ipotizza un decesso per cause naturali

Un funzionario di Palazzo Chigi di 50 anni, Massimo I., membro dei servizi segreti, è stato trovato morto a Parigi nella notte tra domenica e lunedì nei pressi dell’hotel nel quale soggiornava, situato a Montmartre. L’uomo aveva una ferita sanguinante sotto al mento e giaceva in lago di vomito. Secondo quanto riporta il sito francese di ‘Le Point’, verso l’una e mezzo del mattino i vigili del fuoco hanno tentato di rianimarlo ma invano. L’uomo era arrivato nella capitale francese il 3 maggio, con un volo da Roma. Con sé aveva un biglietto da visita nel quale era riportato il suo nome e un numero di telefono della presidenza del Consiglio. Secondo quanto riferisce ancora ‘Le Point’, la polizia ha trovato nella cassaforte della sua camera d’albergo una chiave di sicurezza crittografata, una busta contenente 85 banconote da 20 euro, una chiavetta Usb, un adattatore per scheda Sd e una scheda Sd. Il commissariato locale e la polizia scientifica hanno effettuato le prime indagini e la procura di Parigi ha aperto un’inchiesta per accertare le cause del decesso. Stando a quanto riferiscono all’Adnkronos fonti dell’ambasciata italiana a Parigi, l’agente è morto per cause naturali.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *