Scoperte due centrali del falso, a Sant’Antimo (Napoli) i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato capi di abbigliamento, scarpe, accessori, piastre e clichè. Ad Arzano arrestate 4 persone

I carabinieri della tenenza di Sant’Antimo hanno denunciato in stato di libertà per contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni una 42enne del luogo già nota alle ffoo che in concorso con soggetti ancora in via di identificazione aveva allestito in 3 box sottostanti a uno stabile di via Nuova detta Casoria un deposito usato come centrale per applicare il marchio falso delle più famose case di moda italiane ed estere a capi di abbigliamento, accessori e scarpe. La perquisizione effettuata dai cc ha consentito di rinvenire e sequestrare 412 capi di abbigliamento, 116 portafogli e 232 paia di scarpe. Trovati e sequestrati anche 3 piastre per serigrafia e 9 cliché falsi delle varie marche nonchè 35 capi di abbigliamento ancora privi di marca ma che di li a poco sarebbero stati griffati e venduti come “di marca”.

Una fabbrica clandestina di capi di abbigliamento contraffatti è stata scoperta dai carabinieri ad Arzano (Napoli), che hanno arrestato quattro persone. La fabbrica era collocata in un locale interrato di circa 200 metri quadrati, in pessime condizioni igieniche e sanitarie e pieno di rifiuti. All’interno i militari della Tenenza di Sant’ Antimo hanno trovato 100 chili di abbigliamento privi di marca ed altri 30 già confezionati e contraffatti, oltre a bidoni di vernici, pitture e coloranti. Sequestrati anche una stampatrice e 41 cliché falsi. Quattro persone sono state arrestate per concorso in contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi o brevetti, modelli e disegni. Si tratta di Antonio Aita, 24 anni, residente a Scampia, Nunzio Russo, 19; Giovanni Esposito, 26, entrambi residenti a Miano, già denunciati in passato, ed Ivan Dell’Aversana, 18 anni, incensurato, che ha ottenuto i domiciliari. Indagata per gli stessi reati una donna di 24 anni di Giugliano, vicina ad Aita.

Condividi:
  • 9
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *