Adottare animali da compagnia fa bene alla salute, soprattutto agli anziani

Adottare un animale da compagnia e’ una buona ricetta per vivere in salute e piu’ a lungo e cio’ vale soprattutto per le persone anziane. Per il 68% di loro la compagnia di un animale influenza positivamente il benessere fisico e mentale. Lo dice un rapporto di Senior Italia FederAnziani ‘Over 65 e Animali da Compagnia’, da cui si evince che un anziano su due ne possiede almeno uno e il trend e’ in continua crescita: tra il 2015 e il 2017 la percentuale di proprietari di animali tra i senior e’ infatti salita dal 39% al 55%. Avere un animale ‘costringe’ gli anziani al movimento e incide quindi positivamente sulla salute fisica. Oltre l’89% porta fuori il cane e il 78,7% lo fa ogni giorno. Per la maggior parte dei senior la presenza di un pet incide positivamente anche sulla salute psichica poiche’ mantiene attivi mentalmente. Le attivita’ da svolgere in compagnia dell’animale sono – secondo gli intervistati – quelle che vengono fatte piu’ volentieri, seguite dal leggere un libro o ascoltare la musica. Da un’analisi della letteratura scientifica internazionale, condotta dal Centro Studi Senior Italia, emerge anche che i possessori di cani hanno il 57% di probabilita’ in piu’ di svolgere attivita’ fisica rispetto a chi non ne ha e gli over 65 sono piu’ in forma, tanto da dimostrare biologicamente 10 anni di meno (Zhiqiang Feng et al. della University of St Andrew).

 Il buono stato di salute degli anziani determina anche un risparmio per il Servizio sanitario nazionale. Emerge che con una camminata di 1,4 ore al giorno, 432.000 diabetici avrebbero meno complicanze e ci sarebbe un risparmio pari a circa 1,2 miliardi di euro. Inoltre, diminuirebbe l’incidenza di patologie cardiovascolari (-7%) con risparmi pari a circa 1,3 miliardi di euro. Dal punto di vista psicologico, infine, prendersi cura di un animale aumenterebbe la stima di se stessi (+6%) e con piu’ alti livelli di esercizio fisico (+10,5%) e una minore incidenza di depressione (-5,73%) si risparmierebbero circa 252 mila euro l’anno. “Ci auguriamo che questo progetto possa rappresentare un punto di partenza per un lavoro congiunto tra ministero della Salute, Regioni e mondo dell’associazionismo – ha dichiarato il presidente di Senior Italia FederAnziani, Roberto Messina – per promuovere l’adozione degli animali da compagnia da parte della popolazione, specialmente quella anziana, e per rendere sostenibile il possesso di un pet anche per quei pensionati che hanno difficolta’ ad arrivare alla fine del mese e per i quali la compagnia di un animale diventa un bene ancora piu’ prezioso, un modo per sconfiggere l’isolamento, un pretesto per uscire di casa, coltivare relazioni, mantenersi attivi. Chiediamo – ha proseguito – l’istituzione di un Tavolo congiunto fra i principali attori coinvolti (Istituzioni, veterinari, associazioni, mondo dell’impresa) per mettere a punto iniziative e soluzioni e proponiamo di introdurre incentivi per chi adotta un animale da compagnia, sotto forma di detrazioni fiscali, e rimodulazione delle aliquote Iva: esentare alcune prestazioni veterinarie di rilevanza pubblica (es. sterilizzazioni, visita veterinaria di adozione, profilassi anti-zoonosi) e portare in fascia Iva agevolata, al pari dei farmaci veterinari, le cure veterinarie”. 

Secondo l’Osservatorio di Senior Italia FederAnziani, i proprietari ‘over 65’ sono possessori responsabili: attenti alle cure veterinarie (l’85% di loro porta regolarmente il proprio animale dal veterinario) e all’accudimento costante del loro mantenimento in salute e benessere. Per questo Senior Italia FederAnziani ha lanciato stamattina un’iniziativa indirizzata alle persone anziane, ma non solo, che intendano adottare un animale da compagnia. Si tratta del progetto ‘Insieme e’ meglio’, nato da una collaborazione tra Senior Italia FederAnziani e Federchimica Aisa (Associazione Nazionale Imprese Salute Animale), che ha portato alla mappatura dei canili e gattili d’Italia e alla realizzazione di un database che consentira’ a chiunque lo desideri di ricercare la struttura per animali piu’ vicina a casa propria. “Gli animali da compagnia – ha detto Pierpaolo Sileri, senatore M5s e presidente della Commissione Igiene e Sanita’ di Palazzo Madama – migliorano la nostra vita, ma anche la nostra salute. E questo vale soprattutto per gli anziani. I benefici di adottare un animale per l’anziano sono tantissimi per la sua salute fisica e mentale. E’ stato dimostrato scientificamente che chi vive con un animale da affezione riesce a ridurre i rischi di diabete e ipertensione e anche di depressione. Gli animali sono un antidoto enorme contro la solitudine. I cani, poi, aiutano anche a tenersi in qualche modo in forma perche’ vanno accompagnati fuori”. Quindi “invito chi puo’ a farsi una passeggiata in un gattile o in un canile e scegliersi un amico. Facciamo bene agli animali, facciamo bene a noi stessi, riduciamo – ha concluso – i costi della sanita’ e, grazie all’affido, riduciamo anche i costi per i comuni che gestiscono i canili e gattili”.

Condividi:
  • 9
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *