Telese Terme (Benevento) non si fermano all’alt della polizia, fuga e inseguimento nei campi. Nell’auto abbandonata rinvenuti oggetti atti allo scasso e refurtiva

Si aggiravano in orario serale con fare sospetto a bordo di una Lancia Lybra  tra le vie principali del Comune di Telese Terme, i tre uomini ai quali gli agenti della Polizia di Stato, impegnati in uno specifico servizio di controllo del territorio, hanno imposto l’alt per sottoporli a controllo. Gli stessi, invece di arrestare la marcia poiché, come scoperto in seguito, si erano appena resi responsabili di furto in appartamento, si sono dati a precipitosa fuga iniziando una folle corsa in direzione Amorosi al fine di eludere il controllo. Nonostante i segnali sonori e visivi attivati dalle Volanti del Commissariato di P.S. di Telese Terme e della Questura di Benevento il veicolo ha continuato la sua fuga, attuando tutte le manovre possibili al fine di evitare l’arresto.

Giunto nei pressi del comune di Amorosi, gli occupanti hanno abbandonato il veicolo mentre era ancora in corsa, dileguandosi nelle campagne adiacenti, mentre l’auto terminava la corsa contro un palo di proprietà della società Telecom. Gli Agenti recuperato il veicolo e dopo un’attenta perquisizione all’interno, hanno notato la presenza di un televisore Lcd di sospetta provenienza furtiva che, insieme all’autovettura, veniva regolarmente sequestrato. Inoltre, venivano rinvenuti all’interno dell’auto anche  numerosi arnesi atti allo scasso, guanti e passamontagna, anch’essi sottoposti a sequestro. Da successivi accertamenti si è appurato che i tre fuggiaschi si erano resi responsabili poco prima di un furto in appartamento in zona. In particolare, la vittima del furto ha segnalato che in serata ignoti si erano introdotti nel suo appartamento rubando un televisore. Invitato negli Uffici del Commissariato il denunciante ha riconosciuto il televisore rinvenuto dagli agenti come quello rubato. Sono tuttora in corso indagini  per risalire agli autori del furto.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *