Circumvesuviana: braccio di ferro tra lavoratori e azienda sugli straordinari, sospese tre tratte con conseguenti disagi per i pendolari

“Mi vedo costretto a non subire passivamente quello che diventa un vero e proprio ricatto. Vero che il lavoro straordinario non è un obbligo per il lavoratore, ma non possiamo accettare alcune richieste che sono in contrasto con la normativa contrattuale e con la necessità di mantenere in equilibrio i conti”. Il presidente di Eav, Umberto De Gregorio, commenta così il braccio di ferro in corso tra azienda e sindacati che si traduce già da oggi in pesanti disagi sulle linee della Circumvesuviana a causa del rifiuto dei lavoratori a svolgere prestazioni in straordinario. “Molte stazioni saranno impresenziate e questo comporterà il taglio di alcuni servizi se non addirittura di alcune intere linee”. All’origine della protesta il mancato accordo sugli aumenti in busta paga per i dipendenti: “Cedere alle richieste dei sindacati, in concorrenza tra di loro, oltre il ragionevole buon senso, vorrebbe dire non potere procedere al numero di assunzioni programmato e necessario per un servizio efficiente”.

Condividi:
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
    6
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *