Pedofilia: il cardinale George Pell condannato a 6 anni di carcere per abusi su due coristi

george pell

Il cardinale australiano George Pell e’ stato condannato a sei anni di carcere per gli abusi su due ragazzi del coro alla cattedrale di St. Patrick’s Cathedral, a Melbourne, perpetrati negli anni ’90. Dopo il verdetto di colpevolezza di dicembre, e’ arrivata una sentenza relativamente mite per il 77enne ex ministro dell’Economia vaticano, che rischiava fino a 50 anni. Il cardinale Pell, il religioso di grado piu’ alto nella gerarchia cattolica ad essere condannato per pedofilia, dovra’ scontare almeno tre anni e otto mesi prima di poter chiedere un’eventuale liberta’ condizionale. “La sua condotta e’ stata permeata di una sconcertante arroganza”, ha affermato nella sentenza il giudice della contea di Victoria, Peter Kidd, “considero la colpevolezza morale in entrambi i casi molto alta”. Pell sara’ registrato a vita come un criminale sessuale. Il cardinale, che e’ stato sospeso dal Papa, so e’ sempre dichiarato innocente e ha gia’ presentato appello. Il nuovo processo si aprira’ a giugno. 

Le aggressioni risalgono a un periodo tra il 1996 e il 1997 e riguardarono due ragazzi che all’epoca avevano 13 anni. Pell e’ stato riconosciuto colpevole di penetrazione sessuale e di quattro casi di offesa al pudore. Il giudice ha sottolineato che hanno avuto ripercussioni “profonde” e “durevoli” sulla vittima ancora in vita e probabilmente ne hanno avute anche sull’altra, un giovane deceduto per overdose di eroina. La vittima superstite ha spiegato che “e’ difficile trarre conforto” da questa condanna. “E’ difficile per me concedermi di sentire la gravita’ di questo momento”, ha commentato l’uomo, che ha voluto restare anonimo, attraverso il suo avvocato Vivian Waller, “apprezzo che la corte abbia riconosciuto cio’ che ho dovuto subire da bambino. Tuttavia per me non c’e’ ancora tregua, tutto e’ messo in ombra dall’imminente processo d’appello. Il verdetto era stato reso noto solo a febbraio per non condizionare un altro procedimento giudiziario nei confronti di Pell. Il giudice della corte di Melbourne ha spiegato di aver tenuto conto per la pena sia dei “crimini odiosi” (“ognuno dei due ragazzini assistette alla violenza sull’altro”, ha ricordato) che dell’eta’ avanzata dell’imputato e del fatto che “da allora ha condotto una vita irreprensibile”. “Il cardinale ha diritto a una giustizia equa e proporzionata”, ha sottolineato Kidd lamentando la “mentalita’ da linciaggio” di una parte dell’opinione pubblica. “Non sono qui per giudicare la Chiesa cattolica”, ha aggiunto. 

Condividi:
  • 20
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *