Dottoressa aggredita in ospedale in Calabria, una denuncia. Il medico preso a calci e pugni per avere negato il trasferimento di un paziente per mancanza di posti

Aggredita e presa a calci e pugni. Nuova aggressione, in Calabria – come riporta la stampa locale – ai danni di un medico ospedaliero. E’ accaduto a Melito Porto Salvo dove una dottoressa in servizio nel reparto di Medicina dell’ospedale “Tiberio Evoli” è stata aggredita dalla nuora di un paziente che pretendeva per l’anziano, con problemi asmatici, l’immediato trasferimento, cosa che pare non fosse possibile per la mancata disponibilità di posti, in un altro nosocomio a Reggio Calabria o a Locri. Sul posto, a seguito dell’aggressione, sono intervenuti i carabinieri. Per la donna, una quarantenne del posto, resasi responsabile dell’aggressione è scattata una denuncia per lesioni e violenza privata. La dottoressa è stata soccorsa e medicata dai colleghi del pronto soccorso che le hanno assegnato dieci giorni di prognosi. Indagini sono ancora in corso per fare piena luce su quanto accaduto.

Condividi:
  • 2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *