I 70 anni di Gabriele Salvatores, premio Oscar come miglior film straniero con “Mediterraneo” nel 1992. Il regista è nato a Napoli il 30 luglio del 1950

Gabriele Salvatores è un regista e sceneggiatore italiano. Il suo film Mediterraneo ha ricevuto l’Oscar al miglior film in lingua straniera nel 1992. È uno dei fondatori, insieme a Maurizio Totti e Diego Abatantuono, della casa di produzione cinematografica Colorado Film e dei vari progetti associati dell’azienda, come ad esempio la casa editrice Colorado Noir, quest’ultima fondata nel 2004 insieme sia a Totti che Sandrone Dazieri. Nato a Napoli, ma trasferitosi con i genitori e la sorella a Milano da bambino, il suo primo approccio al mondo dello spettacolo non avvenne attraverso il cinema, bensì con il teatro: iniziò, infatti, la sua carriera artistica fondando nel capoluogo lombardo, assieme a Ferdinando Bruni, il Teatro dell’Elfo nel 1972, col quale diresse molti spettacoli, definibili d’avanguardia. Proprio da uno di questi lavori, nel 1983, nacque il soggetto della sua prima regia cinematografica, Sogno di una notte d’estate: ispirato a Shakespeare, il film è un caleidoscopico ibrido di cinema, teatro, musica e danza dalle cadenze di fiaba.

Del suo periodo teatrale si ricordano Comedians, del 1985, commedia con protagonisti nomi allora poco conosciuti e che in seguito diverranno attori di grande peso (Paolo Rossi, Claudio Bisio, Silvio Orlando) e Chiamatemi Kowalski, del 1987, spettacolo che diede fama definitiva all’istrionismo di Paolo Rossi. Abbandona il teatro nel 1989, anno in cui passa definitivamente al mondo del cinema.

I film Marrakech Express (1989) e il seguente Turné del 1990 sono stati girati con il suo gruppo di attori-amici tra i quali Diego Abatantuono (insieme al quale possiede e gestisce la società di produzione cinematografica “Colorado”, e del quale ha sposato l’ex-moglie) e Fabrizio Bentivoglio (tra le attrici c’è Laura Morante). Nel 1990 riceve la candidatura agli European Film Awards nella categoria “Giovani” per Turné. Nel 1990 è anche regista dell’unico videoclip girato dal cantautore Fabrizio De André, per la canzone La domenica delle salme. Nel 1991 giunse la consacrazione internazionale con Mediterraneo, film che gli valse l’Oscar al miglior film straniero. La pellicola si aggiudica anche altri premi tra cui il David di Donatello per il miglior film, il montaggio e il suono e un Nastro d’argento per la regia. La sua cosiddetta “trilogia della fuga”, composta dai tre film sopra citati, è idealmente proseguita nel 1992 da Puerto Escondido, film tratto dal romanzo omonimo di Pino Cacucci, su tematiche non dissimili dai precedenti, nel quale ad Abatantuono si affianca l’attore Claudio Bisio. L’anno seguente dirige Sud (1993), tentativo di denuncia della situazione politica e sociale dell’Italia dal punto di vista degli emarginati e dei disoccupati, tra cui spicca l’interpretazione di Silvio Orlando. Temi prevalenti delle sceneggiature sono la fuga da una realtà che non si comprende o non si vuole accettare e della quale è inutile un proprio tentativo di cambiamento, la nostalgia del gruppo e il viaggio, inteso come privo di una predefinita destinazione. Con Nirvana (1997) e le sue atmosfere cyberpunk, Salvatores segna l’inizio di un periodo di sperimentazione narrativa. La pellicola diventa oltre al maggiore successo commerciale del regista, il film italiano di fantascienza più premiato dal pubblico che varrà al regista, un premio Urania Argento alla carriera nel 2013.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.