Australia: nuovo focolaio Covid a Sidney in un pub, le autorità sono preoccupate dopo la situazione a Melbourne

Dopo Melbourne, è allarme anche a Sidney per la scoperta di un nuovo focolaio di coronavirus in un pub della città australiana. Almeno 21 contagi sono collegati a un focolaio in un hotel di Sidney che ospita un pub molto popolare. Altri due pub nella città e nei suoi dintorni sono stati chiusi per non aver rispettato le misure di distanziamento sociale o per il loro legame con i contagi. Questo nuovo focolaio è apparso dopo che i cinque milioni di abitanti di Melbourne sono stati nuovamente confinati giovedì per sei settimane. Sono state chiuse anche le frontiere dello Stato di Victoria, dove si trova Melbourne, nel tentativo di contenere la diffusione del virus.

Le autorità hanno identificato 177 nuovi casi a Melbourne nelle ultime 24 ore dopo una settimana di numeri giornalieri di nuovi casi a tre cifre. Tony Cooke, vice commissario di polizia per lo stato del Nuovo Galles del Sud, di cui Sidney è la capitale, oggi ha attaccato “il comportamento sciocco delle persone alle feste” dopo la diffusione di alcune immagini di affollate feste private tenute nei ricchi sobborghi orientali di Sydney. I residenti della più grande città australiana hanno il diritto di accogliere un massimo di 20 persone nelle loro case. Il ministro della polizia di Stato David Elliott ha avvertito che se la gente non cambia atteggiamento e ricomincia a rispettare le misure raccomandate dal governo, i pub potrebbero essere chiusi di nuovo. Finora l’Australia ha registrato poco meno di 10mila casi di coronavirus e 108 morti.

 

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.