Il sito Inps nel caos, è boom di domande trovati anche bug nel sistema con rischio privacy utenti

Sito bloccato, servizi inaccessibili ed esposizione dei dati degli utenti. Nel giorno in cui e’ possibile inviare le richieste di bonus e congedi, l’Inps si blocca. Provando ad accedere a uno dei tre servizi previsti dal Cura Italia per tamponare l’emergenza Covid-19(la richiesta di bonus baby-sitter, quella di congedo parentale e l’indennita’ di 600 euro per gli autonomi), il sito prova a caricare le pagine per diversi minuti prima di annunciare che il server non risponde. Troppo traffico in entrata. Via Twitter, l’Inps, sommersa dai messaggi di protesta, scrive di essere a “conoscenza della problematica”: “Ci scusiamo per quanto accaduto e stiamo lavorando a una pronta risoluzione”. Il presidente dell’Istituto, Pasquale Tridico, ha spiegato – sempre tramite il social network – che “dall’una di notte alle 8.30 circa, abbiamo ricevuto 300 mila domande regolari. Adesso stiamo ricevendo 100 domande al secondo. Una cosa mai vista sui sistemi dell’Inps che stanno reggendo, sebbene gli intasamenti sono inevitabili con questi numeri”. C’e’ pero’ un altro problema, che non sembra confermare il fatto che i sistemi stiano “reggendo”. Decine di utenti segnalano che, inserendo le proprie credenziali, l’Inps rimanda alle sezioni riservate e ai dati di altri utenti. Con tanto di nomi, anagrafe, codice e posizione fiscale, Pec. Non un errore isolato, a quanto pare. Molti utenti segnalano che, a ogni tentativo di accesso vengono reindirizzati alle schede di altri cittadini a caso.

Immediate le reazioni politiche. In una nota il dipartimento Economia della Lega ha criticato i malfunzionamenti alla piattaforma denunciando violazioni di privacy e ritardi: “Non solo il governo ha previsto una cifra ridicola per gli autonomi, ma ora e’ anche iniziata anche l’odissea per ricevere il misero bonus”. Sulla stessa linea Giorgia Meloni che parla di “preoccupante situazione in termini di sicurezza dei dati e di privacy degli utenti”. “Oltre al danno di ricevere poco piu’ di un’elemosina – scrive il presidente di Fratelli d’Italia – ora migliaia di lavoratori rimasti senza reddito sono costretti a subire un vero e proprio calvario digitale per avere dallo Stato i pochi euro che il Governo ha stanziato. Purtroppo non e’ un pesce d’aprile, ma una drammatica verita’”. Mentre su Twitter il vicepresidente di Forza Italia Tajani chiede di “fare in fretta” per risolvere i problemi.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.