Coronavirus, e’ morto il sassofonista Dibango, pioniere dell’Afrojazz

Il nuovo coronavirus miete un’altra vittima talentuosa: il sassofonista camerunense di fama mondiale Manu Dibango, noto come ‘Pappy Groove’. La scorsa settimana la sua famiglia aveva annunciato il ricovero del musicista 86enne, chiedendo “il rispetto della sua intimita’”, ma assicurando che “sta riposando e recupera in tutta serenita’”. Oggi, con un post sulla sua pagina ufficiale Facebook, la famiglia ha dato l’annuncio della sua scomparsa. “Cari parenti, cari amici, cari fan. Una voce si alza in lontananza. Con profonda tristezza vi annunciamo la scomparsa del nostro caro Manu Dibango a seguito del contagio di Covid-19” si legge nel post pubblicato alle 8.30.

“Si e’ spento all’alba in un ospedale dell’hinterland parigino” ha riferito alla France Presse Durepaire, gestore delle edizioni musicali dell’artista camerunense. Nato a Douala nel 1934, Dibango e’ stato uno dei pionieri dell’Afrojazz, mischiando la musica tradizionale della sua terra al funk. E’ del 1972 il suo brano piu’ noto in assoluto, Soul Makossa, con il quale aveva vinto un Grammy Award. In piena pandemia le sue esequie si svolgeranno “nella stretta intimita’ familiare” – hanno precisato i parenti – ma “non appena sara’ possibile” verra’ organizzato un omaggio pubblico.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.