San Salvatore Telesino (Benevento), non ha subìto violenza la piccola Maria trovata cadavere nel 2016 a San Salvatore Telesino (Benevento)

Maria Ungureanu, la bimba di 9 anni trovata annegata nella piscina di un agriturismo a San Salvatore Telesino il 19 giugno 2016, non subi’ violenza sessuale. Lo esclude, almeno per quello che e’ stato possibile esaminare, la nuova perizia affidata dal gip del tribunale di Benevento Vincenzo Landolfi ai professori Cristoforo Pomara, Ciro Di Nunzio e Francesco Sessa. L’incarico era stato affidato in sede di incidente probatorio lo scorso 8 aprile. Sono stati necessari nove mesi per rispondere ai quesiti posti dal gip, eseguendo accertamenti con nuove tecniche di indagine e anche riesumando la salma della bimba che da poco aveva raggiunto la famiglia di origini romene residente per lavoro nel comune sannita. La perizia doveva estrarre dna dalla tracce di saliva, sangue e liquido seminale rinvenuti su alcuni indumenti. Ma il tempo trascorso non ha aiutato i periti e non e’ stato possibile tracciare un profilo; altri accertamenti hanno escluso la violenza sessuale per quanto e’ stato possibile analizzare. Non sono stati infatti trovati elementi per confortare i sospetti nei confronti di Daniele Ciocan, l’operaio amico di famiglia che il giorno della scomparsa di Maria era stato visto con la piccola; e neppure a questo punto ci sarebbero elementi a carico del padre di Maria, anch’egli indagato per violenza sessuale. I reperti analizzati, il jeans indossato dalla bambina la sera del ritrovamento, un pigiama e una canottiera della stessa che erano stati trovati nella sua casa, i pantaloni di Daniel Ciocan non hanno restituito un dna certo e diverso da quello dei proprietari. Solo su una maglietta sequestrata nell’appartamento in cui abitava Maria sono stati isolati i profili genetici del padre e della mamma, ma in una misura compatibile con il rapporto di convivenza. Definita invece l’ora del decesso con maggiore certezza, ed e’ compresa in un intervallo di 1/3 ore dal pasto pomeridiano. A questo punto il gip Landolfi potrebbe chiudere le indagini per poi fissare l’udienza preliminare.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.