Botte e umiliazioni a un bimbo di 5 anni, arrestati dai carabinieri a Sant’Arpino (Caserta) madre e zio. Allontanato dall’abitazione anche il nonno, la denuncia partita dalle maestre

Un bambino di 5 anni veniva picchiato dai familiari con bastoni e manici di scopa, umiliato e trattato peggio di un animale, senza essere mai chiamato per nome. La vittima è un bimbo di 5 anni, residente a Sant’Arpino (Caserta). La triste vicenda si è conclusa con l’arresto della madre di 30 anni,e dello zio, 34, eseguito dai Carabinieri. Il nonno, un 53 enne, che conviveva con i figli ed il nipote, è stato raggiunto da ordine di allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento alla vittima. Sono state due insegnanti della scuola dell’infanzia di Sant’Arpino, frequentata dai piccolo, ad accorgersi che qualcosa non andava a causa dei lividi sul corpo del bimbo. È così partita una segnalazione ai Carabinieri. La Procura di Napoli Nord ha disposto l’installazione di telecamere nell’abitazione in cui il bambino viveva con madre, zio e nonno, e le violenze sono così emerse. Il piccolo veniva strattonato, preso a schiaffi e calci, a bastonate,ripetutamente offeso e minacciato.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.