Che ti sei messa in testa? Sfilata di moda con aperitivo nell’ambulatorio di Tricologia della sezione di Dermatologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli

Martedì 12 novembre, alle ore 12.00, sfilata di moda con aperitivo nell’Ambulatorio di Tricologia della Sezione di Dermatologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli,  (Edificio 10, piano II – via Pansini 5): in passerella turbanti e foulard by Adua_Dubat, appositamente disegnati per le pazienti che, per qualsiasi motivo, subiscono la caduta dei capelli.  “L’iniziativa nasce dalla volontà di sostenere nel cammino per ritrovare la propria immagine e la propria femminilità le donne che subiscono uno degli effetti più evidenti e traumatizzanti dell’alopecia, primaria o conseguente alle terapie oncologiche”, spiega la Prof. Gabriella Fabbrocini, responsabile della Sezione di Dermatologia della AOU Federico II.

“I modelli che saranno presentati sono stati disegnati da Teresa Angelino e Antonietta Pareggio, e nascono da una bellissima storia di amicizia” racconta la dott.ssa Paola Nappa, responsabile dell’Ambulatorio di Tricologia. Era infatti il 2018 quando all’ambulatorio di tricologia si presentarono due amiche, Antonietta Pareggio e Teresa Angelino: “Antonietta aveva iniziato a soffrire di alopecia cicatrizzante e anche se ha sempre avuto una femminilità ed uno charme notevoli – spiega Teresa Angelino – si era convinta che la perdita dei capelli la rendesse meno bella. Per strapparle un sorriso e anche per trovare un sistema per farla sentire più a suo agio, iniziai a parlarle dei turbanti, un accessorio che io ho sempre indossato”.  

Nasce così la linea di turbanti Adua_Dubat: “abbiamo disegnato, cucito, provato e indossato. Soprattutto, Antonietta era finalmente serena e felice di uscire – racconta Angelino –  quindi, proprio durante l’attesa per un controllo all’ambulatorio, abbiamo pensato di non tenere solo per noi l’idea dei turbanti e ne abbiamo parlato ai dottori della Sezione di Dermatologia che hanno subito accolto l’idea con entusiasmo ”.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *