Tratta di esseri umani, arrestati 3 nigeriani in Lombardia, imbarcavano ragazze in Libia e con riti juju e minacce le avviavano alla prostituzione

Tre cittadini nigeriani sono stati arrestati questa mattina dalla polizia con l’accusa di tratta di esseri umani e sfruttamento della prostituzione nell’ambito di indagini coordinate dalla Dda della Procura di Brescia. L’attività investigativa condotta dalla squadra mobile bresciana, attraverso intercettazioni telefoniche, ha permesso di individuare in provincia di Brescia i terminali (un uomo e una donna) di una organizzazione con base in Libia e Nigeria che avrebbe favorito l’ingresso di giovani donne da avviare alla prostituzione. Il terzo arresto riguarda, invece, una donna, che operava nella città di Torino ed attualmente domiciliata nel Mantovano. Attraverso la collaborazione del Sco e della polizia nigeriana, è stato identificato anche uno dei componenti del sodalizio operante all’estero, che avrebbe avuto il compito di trasferire le vittime di tratta dalla Nigeria alla Libia, dove venivano imbarcate per farle arrivare sulle coste italiane. Le donne venivamo ricattate con minacce e riti juju.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.