Incidente mortale tra Massa Lubrense e Sorrento, un’auto finisce contro un muro. Nell’impatto ha perso la vita una ragazza, arrestato il fidanzato per omicidio stradale

Una ventenne inglese di origini massesi, Lia Di Massa, è morta in seguito a un incidente stradale verificatosi a poche centinaia di metri dal centro della cittadina costiera. La giovane viaggiava da Sorrento a Massa Lubrense, dopo una notte trascorsa in discoteca insieme al fidanzato, quando per cause da accertare la vettura si è ribaltata e proprio la ragazza è stata sbalzata fuori dall’abitacolo attraverso il finestrino. Per lei non c’è stato nulla da fare. Solo qualche ferita per il fidanzato, un 21enne sorrentino, che è stato ricoverato all’ospedale di Sorrento ma non è mai stato in pericolo di vita. Il ragazzo era alla guida della vettura e stava riaccompagnando la fidanzata a casa del nonno, residente a Massa Lubrense.
Sul posto si sono precipitati gli agenti della polizia municipale di Massa Lubrense, diretti dal comandante Rosa Russo, e i carabinieri della compagnia di Sorrento, agli ordini del capitano Marco La Rovere, che hanno già avviato le indagini per ricostruire causa e dinamica del tragico episodio.

Poco dopo mezzogiorno la svolta: Angelo Guarracino, il fidanzato, è stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale. Al giovane, assistito dall’avvocato Danilo Di Maio, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, i due stavano tornando dalla discoteca quando lungo via Partenope il 21enne ha urtato il muretto di delimitazione della strada provocando il ribaltamento dell’auto. L’uomo è stato bloccato dai carabinieri della sezione radiomobile di Sorrento e della stazione di Massa Lubrense intervenuti sul posto. Portato in ospedale è stato sottoposto subito ad analisi ematiche: i risultati parlano di un tasso alcolico pari a 1,7 g/l ma anche di cocaina e cannabis. Il 21enne è ai domiciliari.

(RASSEGNA STAMPA – FONTE: ILMATTINO.it)

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *