La Corte dei Conti auspica una sinergia tra il sistema sanitario militare e il Servizio sanitario nazionale

“Il sistema della sanita’ militare, nel corso del 2018, si e’ avvalso complessivamente di circa 6300 unita’, comprendenti medici, infermieri, aiutanti di sanita’, tecnici, e relativo supporto logistico operativo, articolato su due aliquote: quella della sanita’ di sostegno, a carattere ospedaliero e pari a 2.460 unita’, e quella di aderenza, operante a contatto con gli appartenenti alla Difesa, pari a 3.838 unita’”. E’ quanto rileva la Sezione centrale di controllo sulle amministrazioni dello Stato della Corte dei conti nella relazione su “Il Servizio sanitario militare”. L’attivita’ di indagine ha richiesto una diffusa rappresentazione del Servizio sanitario militare per evidenziare punti di contatto e di diversificazione con il Servizio sanitario nazionale e porre le premesse per applicare al primo, per quanto possibile – in ragione delle differenti norme di riferimento – e in via sperimentale, alcuni degli standard del secondo. Se nel triennio 2012-2015 sono state effettuate le previste diminuzioni dei costi, con un considerevole calo degli addetti e degli oneri, nell’ultimo triennio non si evidenziano ulteriori significative riduzioni di personale. Per questo, la Corte esorta a perseguire i relativi processi attuativi con adeguate pianificazioni. 

Il costo complessivo della spesa sanitaria a carico della Difesa, per il 2018, e’ risultato di 367.818.354 euro, pari a circa lo 0,32% di quella sostenuta dal Servizio sanitario nazionale per lo stesso anno e, rispetto al 2017, in diminuzione di circa 1,2 milioni. Con riferimento all’efficienza, secondo la Corte, e’ necessario perseguire la riduzione delle convenzioni a titolo oneroso, l’ampliamento dei sistemi informativi, il potenziamento dell’attivita’ di ricerca, la semplificazione dei procedimenti di programmazione finanziaria, l’implementazione del principio di “interforzizzazione” e una piu’ intensa sinergia con il SSN. Nel corso dell’adunanza della Sezione “e’ emerso il proposito a cooperare, sia del Ministero della Difesa che di quello della Salute, agevolando, in particolare, le auspicate intese a livello regionale attraverso la stesura di una condivisa cornice regolamentare e dei contenuti di accordi, convenzioni e protocolli”.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *