La Guardia di finanza di Napoli ha sequestrato una Ferrari ad un commercialista di Torre Annunziata responsabile di numerosi reati tributari

I finanzieri del dipendente Gruppo di Torre Annunziata hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo d’urgenza, emesso dalla locale Procura della Repubblica oplontina, nei confronti di un professionista torrese, resosi responsabile di reati tributari, per aver omesso di presentare la dichiarazione dei redditi al fisco.
All’esito delle operazioni, è stata sottoposta a sequestro una Ferrari, modello California cabrio 4000, rinvenuta nella disponibilità del citato professionista.
Il provvedimento costituisce l’esito di un’attività investigativa, diretta dalla citata Procura della Repubblica, scaturita da una verifica fiscale effettuata dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Torre Annunziata, nei confronti di un commercialista, nell’ambito della quale sono stati rilevati redditi imponibili sottratti a tassazione per un importo di oltre mezzo milione di euro.
In particolare, è emerso che il professionista in parola, per diverse annualità d’imposta, non aveva osservato l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi, realizzando un’evasione fiscale che, per l’anno 2016, ha superato le soglie di punibilità previste dalla normativa penale in materia tributaria, aggirandosi intorno ai 100 mila euro.
Si è proceduto, pertanto, a sottoporre a sequestro la Ferrari, nella piena disponibilità del commercialista, di valore equivalente ai profitti illeciti, maturati dal mancato versamento all’Erario delle imposte sui redditi dovute, quale chiara manifestazione di una elevata capacità contributiva occultata al fisco.
L’attività testimonia il costante impegno esercitato dalla Guardia di Finanza di Napoli sul territorio a tutela della sicurezza economico-finanziaria dei cittadini ed a contrasto delle forme più insidiose di evasione fiscale e dei crimini finanziari.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *