Camera ardente al Campidoglio a Roma per l’ultimo saluto a Luciano De Crescenzo, parenti e amici più stretti per rendere omaggio all’ingegnere filosofo. I funerali nella chiesa di S. Chiara a Napoli

I parenti, gli amici di una vita della cultura e dello spettacolo, la gente comune: è un viavai in Campidoglio per la camera ardente di Luciano De Crescenzo, il popolare scrittore e intellettuale napoletano morto ieri a 90 anni a Roma. In sala della Protomoteca, vicino alla bara appoggiata su un drappo con i colori della Capitale, è stata esposta una grande foto in primo piano dello scrittore, ritratto vicino a una statua classica. Tra i primi a rendere omaggio al feretro il vicesindaco di Roma e assessore alla Cultura Luca Bergamo. La sindaca Virginia Raggi ha inviato una corona. Il funerale dello scrittore si terrà domani alle 11:30 nella Basilica di Santa Chiara a Napoli. Profondamente commossi, nel loro ricordo dell’amico, Renzo Arbore e Marisa Laurito, che con De Crescenzo hanno condiviso vita privata e professionale. Ci sono anche Roberto D’Agostino, Michele Mirabella, il maestro Valerio Mazza, Andy Luotto, e Mara Venier.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *