Usura ed estorsione: quattro misure cautelari eseguite dalla Guardia di Finanza a Brusciano e San Vitaliano (Napoli). Tassi usurai del 340% annui

Guardia finanza

La Guardia di finanza ha eseguito quattro misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati, residenti nei comuni di Brusciano e San Vitaliano, nel napoletano, gravemente indiziati dei delitti di usura ed estorsione. Agli arresti domiciliari e’ finita una donna mentre e’ stato disposto il divieto di dimora e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei confronti del marito, della figlia e del genero. Le indagini, condotte dalla Compagnia di Casalnuovo di Napoli, hanno preso il via in seguito ad una denuncia presentata da due coniugi di Brusciano ed hanno consentito di accertare che gli indagati, a fronte dei prestiti concessi, richiedevano ed ottenevano, applicando alle somme corrisposte tassi di interesse superiori anche al 340 % annuale, non solo la restituzione di denaro contante, ma anche la consegna delle poste-pay relative ai sussidi concessi dall’Inps di cui le vittime erano destinatari per la loro difficile condizione economica. La situazione e’ stata ulteriormente aggravata dalle reiterate e gravi minacce rivolte alle persone offese, finalizzate ad ottenere anche la consegna della nuova carta di reddito di cittadinanza.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *