Napoli, a un mese dalla sparatoria in piazza Nazionale le condizioni della piccola Noemi sono in netto miglioramento, il nonno: “Le abbiamo detto che è in ospedale perché è caduta”

Migliorano le condizioni della piccola Noemi, colpita da un proiettile, lo scorso 3 maggio, in piazza Nazionale, a Napoli, nel corso di un agguato. “Noemi sta molto meglio – racconta la nonna, Immacolata Molino – ha davanti a sé un percorso lungo, però è comunque fuori pericolo. Ora indossa un busto non si sa ancora quando uscirà dall’ospedale”. Noemi “inizia a parlare, facciamo molti giochi insieme, le cose normali di una giornata, come se stessimo a casa” e inizia anche a mangiare da sola. Non sa ancora, la piccola, il perché si trovi in ospedale. “Le abbiamo detto che è caduta – dice la nonna – servirà un percorso anche psicologico”. Né chiede qualcosa su quanto accaduto, anche se, come fa sapere il nonno, Alessandro, la piccola “non vuole più andare a comprare le patatine in piazza Nazionale”. “Mi ha detto proprio così – afferma – quindi qualcosa lo ricorda”. Nonna Immacolata, invece, che quel 3 maggio era in piazza con la piccola e la madre, é tornata “nello stesso bar”.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *