Si dichiara innocente Armando Del Re fermato per la sparatoria in Piazza Nazionale a Napoli dove è rimasta ferita la piccola Noemi, il 28enne al gip: “Io con questa storia non c’entro”

Armando Del Re, il 28enne fermato per il ferimento di una bimba di 4 anni a Napoli, di un pregiudicato 32enne e di una donna di 50 anni ha sostenuto davanti al gip la sua estraneita’ alla sparatoria di piazza Nazionale. “Io con questa storia non c’entro niente, mi stanno massacrando su tutti i giornali e anche quando dimostrero’ la mia innocenza restero’ sempre il mostro”, ha detto. Nel carcere di Siena, davanti al giudice per le indagini preliminari, Francesco Buccino Grimaldi, Del Re, assistito dall’avvocato Claudio Davino, ha risposto alle domande del pubblico ministero di Siena per la convalida del fermo con l’accusa di tentato omicidio aggravato dal metodo mafioso. Secondo la Procura di Napoli, che ha emesso il decreto, Del Re e’ il responsabile della sparatoria che poteva costare la vita a due persone. Il movente sarebbe legato a una questione personale ma nell’ambito camorristico. Nel decreto di fermo ci sono intercettazioni telefoniche di soggetti che erano gia’ indagati dalla procura antimafia e la testimonianza di una donna che ha raccolto tre numeri della targa dello scooter e li ha forniti alla polizia. Gli agenti della Squadra Mobile sono risaliti alla moto che era di Del Re. In carcere anche il fratello Antonio che e’ detenuto a Poggioreale in attesa della convalida. La decisione del giudice e’ prevista per lunedi’ mattina.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *