Il 7 maggio del 1901 nasceva Gary Cooper, figlio di immigrati britannici, eroe per eccellenza del western e del melodramma hollywoodiano

101 anni fa la nascita di Gary Cooper, grande attore statunitense. Eroe per eccellenza del western e del melodramma hollywoodiano, l’American Film Institute ha inserito Cooper all’11esimo posto tra le più grandi star della storia del cinema. Gary Cooper nacque ad Helena, nel Montana, figlio di immigrati britannici. Cooper visse in Inghilterra con sua madre, Alice Brazier (1873–1967), donna originaria del Kent, fino al 1914 quando, all’età di tredici anni, rimase ferito alla schiena in un incidente automobilistico, e tornò quindi ad abitare nel Montana con il padre Charles Henry Cooper (1865–1946), brillante avvocato di Birmingham, presso il ranch nel quale imparò a cavalcare per ristabilirsi dai postumi dell’incidente. Durante questo periodo fece amicizia con Myrna Loy che viveva vicino a lui.

Come avrebbe riferito anni dopo in un’intervista alla giornalista Hedda Hopper, celebre columnist di Hollywood, la vera vocazione di Cooper non era il cinema ma la professione di disegnatore: «Sono diventato attore solo per sbarcare il lunario, dopo aver fallito come disegnatore e caricaturista politico. Era questa infatti la mia vera ed unica vocazione giovanile». Nel 1924 si trasferì a Los Angeles con l’intenzione di diventare commerciante d’arte, ma il tentativo non ebbe grande successo. Appena tre mesi più tardi iniziò a lavorare nell’industria cinematografica come comparsa e, l’anno successivo, ebbe la possibilità di affrontare il suo primo vero ruolo di attore in un cortometraggio con Eileen Sedgewick quale protagonista. All’uscita del film, Cooper venne contattato dalla Paramount che gli offrì un contratto a lungo termine. L’attore accettò e, su consiglio della sua agente Nan Collins, cambiò il proprio nome Frank James in Gary, dal nome della città omonima nello Stato dell’Indiana, che doveva evocare lo stile “duro e puro” del luogo.

Coop, come lo chiamavano i colleghi, iniziò una carriera che l’avrebbe portato a partecipare a più di 100 film. Nel 1936 interpretò la commedia È arrivata la felicità di Frank Capra, che gli valse la prima nomination agli Oscar come miglior attore protagonista. I primi anni quaranta furono il periodo di maggior successo per l’attore, che nel 1942 vinse il suo primo premio Oscar come miglior attore protagonista per il film bellico Il sergente York (1941). Nei due anni successivi ricevette altre due nomination come miglior attore per i film L’idolo delle folle (1942), biografia del giocatore di baseball Lou Gehrig, e Per chi suona la campana (1943), dall’omonimo romanzo di Ernest Hemingway, ma in entrambi i casi non riuscì a portare a casa la statuetta.

Dopo un periodo di minor successo, nel 1953 Cooper vinse un secondo Oscar come miglior attore protagonista per la sua memorabile interpretazione del tormentato sceriffo Will Kane in Mezzogiorno di fuoco (1952), il suo ruolo più ricordato e probabilmente anche la sua migliore interpretazione.

 

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *