Padre e figlio, i pastori uccisi a Giffoni Sei Casali (Salerno), secondo i carabinieri sono stati vittime di un agguato

Domenico Pennasilico e suo figlio sono state vittime di un vero e proprio agguato. A dichiarare questo sono i carabinieri intervenuti sul luogo del delitto e che hanno indagato sulla morte del pastore a Giffoni Sei Casali. Il figlio di Pennasilico aveva tra l’altro ricevuto una telefonata, tramite la quale lui e il padre venivano invitati a recuperare delle mucche tra i boschi. Una volta a destinazione, prima gli spari e poi il decesso del pastore. Sul posto, i militari avevano trovato tra l’altro anche una decina di bossoli appartenenti ai proiettili che hanno ucciso Pennasilico. Il figlio dell’uomo riuscì a scampare alla morte, mentre la vittima fu colpita all’addome e all’arteria femorale. Il pastore poi precipitò nel burrone profondo più di quaranta metri ed è stato recuperato con l’ausilio di un elicottero. Cinque persone sono indagate per omicidio preterintenzionale. Secondo gli investigatori, a provocare l’omicidio sarebbe stata una faida tra pastori per il bestiame incontrollato. (Rassegna stampa – Salernonotizie)

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *