Uccisa una manifestante in Venezuela, colpita da una pallottola durante la protesta di piazza

Una donna di 27 anni è rimasta uccisa ieri durante le proteste riprese in Venezuela contro il governo di Nicolas Maduro. Lo rende noto l’Observatorio Venezolano de la Conflictividad Social su Twitter, condannando “l’assasinio di Jurubith Rausseo García colpita da una pallottola mentre partecipava a una manifestazione ad Altamira”. Anche Juan Gauidò ha condannato l’uccisione della manifestante ad opera delle persone “che hanno deciso di sparare contro un popolo che ha deciso di liberarsi”. Si tratta della seconda persona uccisa dagli scontri violenti di martedì quando Guaidò ha lanciato quella che ha definito la mobilitazione finale per la libertà. E se è vero che Maduro resta al potere, Guaidò non è intenzionato a cedere: “Continueremo ad andare avanti più forti che mai”, ha twittato l’autoproclamato presidente ad interim del Venezuela, Juan Guaidó, incitando il popolo a non mollare. Mentre in tutto il Paese ieri è andata in scena l’ennesima giornata di proteste, comprese quelle dei sostenitori di Maduro, che ha ribadito di aver fermato un “tentato golpe”.

Il presidente eletto ha chiesto all’Esercito “la massima lealtà” alla Costituzione di fronte al tentativo “colpo di stato” organizzato dagli Stati Uniti in Venezuela. Un tentativo fallito, ha affermato il presidente venezuelano in un comizio in piazza a Caracas per il Primo Maggio, la Festa dei Lavoratori. “Non ci sono riusciti con Chavez ed oggi dico che tantomeno ci sono riusciti o ci riusciranno con noi”, ha detto, riferendosi al fallito colpo di Stato del 2002. Ma a far salite la tensione, ieri, ha contribuito anche il botta e risposta tra Washington e Mosca. In una telefonata al segretario di Stato Mike Pompeo, il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov ha puntato il dito contro gli Stati Uniti, dopo che in mattinata, parlando a Fox Business Network, lo stesso Pompeo non aveva escluso l’intervento dell’esercito americano qualora fosse “necessario” per ripristinare l’ordine in Venezuela.

Nella telefonata, riportata dalla Tass, Lavrov ha spiegato che “l’intervento di Washington negli affari interni di uno stato sovrano e le minacce contro la sua amministrazione costituiscono una evidente violazione del diritto internazionale” e che “ulteriori misure aggressive avranno le conseguenze più drastiche”. “Un’influenza esterna distruttiva, tanto più se politica, non ha nulla a che vedere con un processo democratico”, ha scandito il ministro russo. Pronta la replica di Pompeo che ha accusato la Russia e Cuba di stare “destabilizzando” il Venezuela mentre contro Cuba si è pronunciato in un tweet lo stesso Trump, avvertendo che “se le truppe e le milizie cubane non cesseranno immediatamente le operazioni militari e di altro tipo con lo scopo di causare la morte e la distruzione della Costituzione venezuelana, verrà imposto, insieme alle più alte sanzioni, un embargo totale sull’isola di Cuba”. La giornata di ieri è stata scandita da diversi scontri, con le forze governative che hanno lanciato gas lacrimogeni sui manifestanti, mentre alcune delle persone scese in piazza per protestare hanno risposto col lancio di pietre. Guaidò, dopo aver condannato la morte della 27enne, si è rivolto ai suoi sostenitori a Caracas, bollando le proteste come un “processo irreversibile” e ha promesso che andrà avanti “per raggiungere la libertà”. “Siamo sulla strada giusta, non possiamo tornare indietro”, ha detto. L’autoproclamato presidente ad interim ha poi annunciato una serie di scioperi a partire da oggi, che culmineranno in uno sciopero generale.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *