Clan Contini alleato con i Sibillo contro uomini appartenenti al clan Mazzarella, tre arresti della polizia a Napoli. Ordinanza di custodia anche per Ciro Contini, sequestrate armi utilizzate nei raid

La Squadra Mobile di Napoli ha proceduto  a dare esecuzione alla ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Napoli nei confronti di, Ciro Contini nato a Napoli il 24.12.1988, già detenuto per altro; Stefano Mattarello, nato a Napoli il 19.09.1994, già detenuto per questo procedimento e Giuseppe Sarnataro, nato a Napoli il 01.10.1975 all’esito di indagini coordinate dalla DDA di Napoli. L’ordinanza compendia le ulteriori attività investigative sviluppate a seguito dell’arresto di Vincenzo De Vivo, Michele Di Mauro e Stefano Mattarello trovati in possesso di varie armi in precedenza impiegate in un raid contro soggetti appartenenti all’avverso Clan Mazzarella. Veniva, altresì, eseguita una perquisizione presso il garage di Stefano Mattarello, utilizzato come rifugio del resto del commando che era riuscito a dileguarsi, procedendo così al sequestro di  due ordigni esplosivi e, quindi, all’arresto del predetto. 

Sulla base delle operazioni tecniche dei colloqui in carcere, oltre che dalle videoriprese estrapolate dal sistema di videosorveglianza installato presso il garage, è stata contestata l’aggravante di cui all’art. 416 bis 1 c.p., essendo stato ritenuto che le armi fossero detenute per il Clan Contini e che fossero da ricondurre anche a Ciro Contini, che aveva preso parte al raid, dandosi, poi, alla fuga. Quest’ultimo è attualmente detenuto per la detenzione di ulteriori armi oltre che in quanto destinatario di ordinanza di custodia cautelare nell’ambito di una più grossa operazione avente ad oggetto il Clan Sibillo, di cui lo stesso ha fatto parte prima di ritornare alla sua “famiglia” di origine. Nel corso dei colloqui in carcere è stato, ancora, possibile registrare il coinvolgimento di Giuseppe Sarnataro, zio di Stefano mattarello, nella detenzione di ulteriori armi da fuoco.

Condividi:
  • 11
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *