Un grande attore dal sangue internazionale, Peter Ustinov nacque a Londra il 16 aprile del 1921

Il suo humour è sempre stato molto british, ma nelle sue vene scorreva sangue “russo, tedesco, spagnolo, italiano, francese ed etiope”. Era Peter Ustinov stesso a dirlo con orgoglio. Nato a Londra il 16 aprile del 1921, 98 anni fa, da genitori russi, dopo aver abbandonato la Wenstminster School a 16 anni, due anni dopo Ustinov è già molto noto come attore comico negli ambienti teatrali della capitale. A 19 anni scrive la sua prima commedia ed esordisce nel cinema con il film Volo senza ritorno di Powell e Pressburger. In oltre 60 anni di carriera ha collezionato una lunghissima serie di premi, tra i quali spiccano gli oscar come attore non protagonista per Spartacus (1960) e Topkapi (1964).

E’ difficile non identificarlo con i baffoni di Hercule Poirot, (Assassinio sul Nilo, da Agatha Christie) ma sarebbe riduttivo perché Ustinov, da uomo di spettacolo completo e versatile, ha regalato al cinema tanti ruoli, spesso da caratterista, indimenticabili: è Nerone in Quo Vadis, per il quale ottiene un’altra nomination, Charlie Chan ed Erode nel Gesù di Nazareth (1979) di Zeffirelli. Ustinov ha curato anche la regia di otto film e scritto numerose sceneggiature. Tra le sue molteplici attività anche quella di ambasciatore per l’Unicef e l’Unesco, regista di opere liriche, voce di punta della radio e della televisone britannica, scrittore di racconti. Nel 1990 è diventato Sir. Si è anche sposato tre volte. Ustinov ha continuato a recitare instancabilmente fino alla fine (è morto il 28 marzo del 2004). 

(FONTE: REPUBBLICA – trovacinema)

 

Condividi:
  • 51
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *