L’omicidio di Frank Cali’ a New York, l’uomo sarebbe stato attirato in una trappola da un finto incidente

L’omicidio di Frank Cali’, il boss della famiglia mafiosa dei Gambino, ucciso mercoledi’ sera davanti alla sua casa di Staten Island, a New York, sarebbe stato realizzato con una trappola: un finto incidente per farlo uscire da casa, dove stava cenando con la famiglia. Secondo fonti di polizia citate dal Daily News, le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza montate intorno all’abitazione del boss mafioso ucciso mostrano Cali’ uscire di corsa dalla sua abitazione a Todt Hill, andare verso la sua auto, un Suv, parcheggiata di fronte, dopo che un pick-up gli era piombato contro. Pochi secondi e il guidatore dell’auto, un uomo tra i 25 e i 40 anni, e’ uscito e ha sparato dodici colpi di pistola verso Cali’, colpendolo al torace sei volte. Poi, con freddezza, e’ rientrato nel pick-up ed e’ andato via a tutta velocita’. La polizia non esclude nessuna ipotesi, ma ora si sta concentrando sulla figura di Gene Gotti, 73 anni, fratello dell’ex boss dei Gambino, John Gotti (morto nel 2002), uscito una settimana fa dalla prigione dopo aver scontato 29 anni per traffico di stupefacenti. Secondo la polizia, Gotti potrebbe aver voluto l’uscita di scena di Cali’, che negli ultimi anni aveva preso in mano la famiglia, oppure preteso di dividere gli affari con il nuovo boss, ricevendone un rifiuto.

Condividi:
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
    4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *