Meteo, gli esperti sono convinti: “Arriverà in Italia la depressione d’Islanda”

Nonostante sia iniziata la primavera meteorologica l’1 marzo, in realtà già dal weekend potrebbe partire una forte instabilità di origine Atlantica. Questo significa “raffica di perturbazioni pronte ad investire l’Italia con tanta pioggia e rovesci, intervallate da fasi soleggiate, in particolare sulle Regioni del Nord almeno per tutta la prima decade” del mese. E’ quanto fanno sapere gli esperti de ‘IlMeteo.it’, aggiungendo che sarà più stabile il resto della Penisola “maggiormente protetta dallo scudo dell’alta pressione con temperature prossime ai 20°C”. Ma, in base agli aggiornamenti dei modelli meteo (GFS), “intorno alla metà di marzo si prospetta un vero e proprio scombussolamento” con un “flusso perturbato Atlantico, comandato dalla ‘Depressione d’Islanda’” che scenderà di latitudine puntando prima isole britanniche e Francia, poi l’Italia. Nei prossimi giorni, intanto, “il tempo comincerà a mutare bruscamente – aggiungono gli esperti -: l’anticiclone dal cuore primaverile si indebolirà temporaneamente aprendo la porta ad una veloce ma astuta perturbazione che riporterà la pioggia, i temporali e anche la neve su alcune Regioni d’Italia, con il rischio non così remoto di grandinate”. Perturbazione che “andrà a concentrarsi al Centro e sull’area tirrenica del Sud. Piogge e temporali colpiranno a macchia di leopardo il Lazio, l’Abruzzo, il Molise, scivolando giù verso la Campania e poi la Calabria tirrenica”. Tutto si muoverà velocemente verso Sud con rovesci fra Basilicata, Calabria tirrenica e Nordest della Sicilia. “Calano le temperature nei valori massimi e rinforzano i venti da Nord. Maestrale in Sardegna e su basso Tirreno, con moto ondoso in aumento – concludono gli esperti -. Coinvolti da un rinforzo dei venti settentrionali e da un aumento delle onde, pure lo Ionio e il basso Adriatico”.

Condividi:
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
    4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *