Drupi non ci sta e sfoga: “su Mia Martini sono tutti ipocriti. Oggi vantano amicizie passate con lei ma all’epoca la schifavano”

Dopo la proiezione del film su Mia Martini, in molti hanno dedicato un pensiero alla cantante scomparsa, biasimando gli abusi verbali che lei ha dovuto sopportare. Drupi, però, giudica questo rimprovero tardivo e, sulle pagine del settimanale Oggi, ha accusato molti di loro di cavalcare la fama di Mimì, cancellando le proprie colpe e professandosi suoi amici. Drupi non è uno di quelli convenzionali. E’ un artista che non ha mai seguito strade commerciali, strategie particolari per alimentare successo e denaro. Lui è un uomo, cosiddetto, “verace”, sincero, che ha solo seguito le sue passioni, le ispirazioni del momento, senza mai una forzatura, spesso sparendo dalle scene. Nonostante questo molti suoi successi restano indelebili e ciò che ha dichiarato per noi resta molto molto credibile.

C’è un limite all’ipocrisia dei brutti stronzi che vantano amicizie immaginarie. Ormai è pieno. Ora tutti la conoscevano, tutti le erano amici. E cavalcano l’onda. Quando a frotte all’epoca, nell’ambiente, la schifavano: entrava in sala di registrazione e si toccavano gli attributi per fare gli scongiuri, oppure la chiamavano ‘L’Innominabile’. Forse dovrei tacere per non fare anche io la figura di quello che… Ma è uno sfogo d’istinto che le devo

Drupi racconta di essere debitore nei confronti della cantante. Grazie a lei, anche se indirettamente, ha mosso i suoi primi passi nel mondo della musica.

Era il 1973. Io, agli inizi, sconosciuto, bazzicavo la Ricordi a Milano, ma stavo quasi per mollare il colpo. Mia all’epoca era la regina dell’etichetta. Un giorno mi chiesero di incidere il provino del pezzo che lei avrebbe dovuto portare a Sanremo: ‘Vado via’ di Riccardi-Albertelli. Alla fine però non se la sentì di andare e i discografici mi dissero: ‘Perché non ci mandiamo quel ragazzino che ha fatto il provino?‘”

(L’INTERVISTA COMPLETA è sul settimanale OGGI)

 

Condividi:
  • 64
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
    64
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *