L’ex sindaco di Scafati (Salerno) sotto processo per presunti legami con clan di camorra, minaccia il suicidio: “Mi stanno distruggendo da anni sul nulla”

“Dopo 400 giorni di misura cautelare, dopo tutta la violenza subita da questa indagine, dopo l’udienza di ieri e il modo con cui è stato trattato il mio avvocato Silverio Sica a cui va tutta la mia solidarietà, l’unica soluzione è farla finita. Mi stanno distruggendo da anni sul nulla”. Con queste parole l’ex sindaco di Scafati (Salerno), Pasquale Aliberti, sotto processo per presunti legami tra politica e camorra, ha annunciato su Facebook di volersi togliere la vita, accompagnando il messaggio suicida ad una foto di alcune boccette di farmaci. Al momento, a quanto si apprende, Aliberti è ricoverato all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore ma non è in pericolo di vita. Proprio ieri si è tenuta una udienza nell’ambito del processo in cui l’ex sindaco è imputato: il suo legale avrebbe avanzato l’ipotesi di abbandonare la difesa del proprio assistito. Aliberti, dopo un periodo di detenzione, ha al momento l’obbligo di divieto di dimora a Scafati e nei comuni limitrofi.

Condividi:
  • 1
    Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *