Fermato dai militari della Guardia di finanza a Napoli un corriere della droga, intercettato in auto con dieci chili di hashish, arrestato

Nell’ambito della costante attività di controllo economico del territorio e dell’intensificazione del dispositivo di contrasto ai traffici illeciti di sostanze stupefacenti, i finanzieri del Comando Provinciale Napoli hanno sequestrato 10 kg di hashish e tratto in arresto un responsabile di anni 39, originario di Napoli – quartiere Scampia.
Più in particolare, le Fiamme Gialle del Gruppo di Frattamaggiore, nel corso di un’autonoma attività info-investigativa e di controllo economico del territorio, hanno intercettato un’automobile che percorreva a velocità sostenuta la strada provinciale Caivano-Aversa. Gli operanti, pertanto, insospettiti dalla condotta del conducente, sottoponevano a controllo la vettura al cui interno, opportunamente occultata sotto il sedile del passeggero, rinvenivano una busta di cellophane contenente una sostanza che emanavava un intenso odore di hashish.
I successivi approfondimenti eseguiti sulla sostanza rinvenuta permettevano di accertare che si trattava di stupefacente – tipo hashish – suddiviso in 100 panetti da 100 grammi ciascuno, appositamente confezionato in involucri di cellophane già pronti per essere rivenduti a pusher, verosimilmente attivi nelle piazze di spaccio della città di Napoli e, in particolare, nella zona di Secondigliano e Scampia.
La sostanza stupefacente sequestrata, qualora immessa nel mercato, avrebbe fruttato all’organizzazione oltre 100.000 euro di guadagni.
Il conducente, cittadino italiano gravato da precedenti specifici, è stato tratto in arresto per il reato di “detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope” e condotto presso il carcere di Napoli-Poggioreale, a disposizione della Procura della Repubblica di Napoli Nord.
L’attività di servizio testimonia il costante presidio esercitato dalla Guardia di Finanza sul territorio a salvaguardia delle leggi ed a contrasto di un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale.

Condividi:
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
    2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *